La parola fotografia, che è di chiara origine greca, significa letteralmente “scrittura di luce”. D’altra parte, se si ammirano le opere realizzate da artisti del calibro di Holton, McCurry, Salgado e Geddes, solo per ricordare alcuni dei più importanti e noti maestri della fotografia, si comprende molto bene il concetto di scrittura di luce.

Da quando nel lontano 1839 nasce ufficialmente la fotografia, di progressi, di tecniche e via dicendo, ve ne sono stati davvero una infinità. Ma al di là che si prediliga la fotografia tecnica oppure quella creativa, come si può diventare dei fotografi professionisti e, come poter andare a gestire le attrezzature tecniche e comprendere i relativi processi per un business fotografico professionale ed efficiente?

L’importanza della formazione per diventare un fotografo professionista

Seppure sia assolutamente affascinante, il lavoro di fotografo è difficile. Tant’è, come racconta la quotidianità della vita reale, è una perenne sfida. Di conseguenza, è cruciale che un fotografo professionista, tra le tante cose, sappia avere un corretto approccio professionale per navigare nel mercato e strutturare la propria attività.

In questa ottica, la formazione fotografica è un elemento fondamentale per costruire una adeguata conoscenza per affrontare le diverse tematiche riguardanti questa fantastica professione.

L’area di lavoro del fotografo è molto ampia. Può riguardare, ad esempio, il creare immagini pubblicitarie e illustrative, effettuare foto sportive, foto a cerimonie o il fornire suggerimenti di idee per i clienti.

Oltre a ciò, ci si potrà, anche, trovare a dover saper pianificare processi di produzione, valutare le stime dei costi, come pure andare a collaborare e interfacciarsi con stilisti, persone dei media e molto altro ancora. Di conseguenza, si dovrà avere delle specifiche competenze per affrontare processi tecnicamente complicati, che mettono a dura prova le capacità del fotografo.

Diventare fotografo professionista

Il sogno di diventare un fotografo professionista

Chiunque abbia avuto il piacere di leggere la biografia di un celebre fotografo professionista, non può non aver colto come, tra i requisiti base per poter aspirare a diventare un professionista della fotografia, spicchino doti quali predisposizione naturale e formazione. La sola passione, quindi, non basta.

Non per nulla, la professione di fotografo può essere svolta tanto come libero professionista oppure come dipendente di una agenzia o di uno studio.

In linea generale, quindi, ci si dovrà andare a specializzare, ad esempio, in fotografia di cerimonia, in fotografia commerciale, in quella sportiva, ma anche in reportage, in ritratti e via dicendo.

Per quanto riguarda, invece, lo stile personale, questo potrà essere perfezionato sulla base della scelta del settore ove si preferirà operare. Comunque, a prescindere dalla carriera di fotografo che si vorrà seguire, è indispensabile imparare i fondamenti di questa professione.

Inquadratura fiscale

Per tutto quello che riguarda la parte fiscale (e quindi apertura Partita Iva, gestione, etc) vi lascio un articolo ben scritto che io stesso ho letto e studiato i giorni prima dell’apertura.

In conclusione, il lavoro del fotografo professionista è complesso e, specialmente oggigiorno, non può essere fatto facendosi guidare dall’improvvisazione.

WIKI

INTERNI

CERIMONIE

SPORT